top of page
  • Immagine del redattoreRedazione People

Genova 1944, assalto alla fabbrica



Eccoci qui con un'altra novità, particolarmente adatta a questi giorni che ci avvicinano a quella che è per noi la festa più bella, Liberazione. Il nuovo libro di Giovanni Mari, "Assalto alla fabbrica", è un'altra pagina poco raccontata dell'orrore che ci siamo lasciati alle spalle quel 25 aprile.

Il 16 giugno del 1944 i fascisti della Repubblica Sociale italiana spalancarono le porte delle fabbriche genovesi ai nazisti cacciatori di schiavi: vennero requisiti e deportati 1.500 operai. Il rastrellamento fu particolarmente violento, il viaggio su treni piombati. La loro casa fu il lager di Mauthausen, per lavorare nell’industria militare del Reich, soffrendo la fame e il gelo. I nazifascisti non scelsero quelle fabbriche per caso: volevano procurarsi manodopera di alto livello, ma soprattutto stroncare la caparbietà operaia, che nei mesi precedenti aveva inferto duri colpi alla produzione e alla propaganda repubblichina con una raffica di agitazioni, scioperi e boicottaggi. Giovanni Mari ripercorre questi fatti a ottant’anni di distanza, raccontando attraverso questo episodio la deportazione per ragioni politiche di oltre 23mila italiane e italiani e di oltre 100mila lavoratori e dimostrando la complicità dei fascisti nella costruzione della macchina dell’oppressione nazista.


E fino alla Liberazione potete approfittare non solo del pacchetto speciale dedicato a questa celebrazione, ma anche della promo con le nostre t-shirt resistenti: fino al 25 aprile, infatti, chiunque effettui un ordine di almeno 40€ sul nostro sito peoplepub.it potrà scegliere una maglietta da ricevere in omaggio tra Antifa, Pojana, Biani, Le ragazze del futuro e Sta rottura de cojoni dei fascisti.

Comments


bottom of page