top of page
  • Immagine del redattoreRedazione People

Il discorso di Glazer agli Oscar, contro le strumentalizzazioni



Premiato stanotte con l'Oscar per il miglior film internazionale con La zona d'interesse, il regista britannico Jonathan Glazer ha voluto usare il tradizionale discorso d'accettazione della statuetta per rivolgere un importante messaggio su quanto sta accadendo a Gaza, sulle vittime dell'attacco di Hamas del 7 ottobre e sullo sterminio della popolazione palestinese in corso da parte dell'esercito israeliano:


«Tutte le scelte che abbiamo fatto avevano l’obiettivo di metterci di fronte al presente, non per dire “guardate cosa hanno fatto allora”, ma piuttosto “guardate cosa facciamo noi oggi”. Il nostro film mostra dove porta la disumanità al suo peggio, come ha plasmato il nostro passato e il nostro presente. Noi oggi siamo qui come uomini che rifiutano che la propria ebraicità e l’Olocausto vengano strumentalizzati da un’occupazione che ha portato a una guerra che investe così tante persone innocenti. Che siano le vittime del 7 ottobre in Israele, o le vittime dell’attacco in corso a Gaza, sono tutte vittime di questa disumanità. Come resistere? Aleksandra Bystron Kolodziejczyk, la ragazza che brilla nel film come ha brillato nella vita, ha scelto di farlo. Dedico questo premio alla sua memoria e alla sua resistenza».

Comments


bottom of page