top of page
  • Immagine del redattoreRedazione People

«Io tenevo per i Troiani»



Vi dico la verità, io tenevo per i Troiani.

Perché effettivamente, primo, non avevano fatto niente; secondo, erano a casa loro, stavano facendo le loro robe, entra questo coi boccoli al vento, con la ragazza, «Chiudi la porta!», e si trovano in mezzo a una guerra.

Io tenevo per i Troiani. Però dicevo: Troiani, ma che cervello avete? Anime benedette, sono nove anni che fate guerra con questi Greci. I Greci sono superiori di numero venti a uno. Ogni mattina uscite dalla porta Scea, la porta principale della città, per cacciarli di nuovo via e loro, superiori venti a uno, vi ricacciano dentro. Ogni mattina!


Una mattina vi siete svegliati, avete guardato dalle mura verso la spiaggia, quella spiaggia che di solito è piena di gente che vuole tagliarvi a pezzi con vari oggetti da taglio compreso il coltello dello chef Tony. Una mattina guardate la spiaggia, la spiaggia è vuota, e cosa pensate “Abbiamo vinto!”

Non solo, ma davanti a voi c’è un cavallo enorme in legno, con la pancia a botte, le scalette ancora sotto, cosa pensate? “È un regalo, portiamolo dentro!”

E lo portano dentro! Sfondano la porta Scea per portare dentro a spinta ’sto cavallo che ogni volta che prendi una buca senti bestemmiare in greco da dentro. Lo portano al centro della città, festa perché è finita la guerra.

A mezzanotte, tutti ’mbriaghi, si sdraiano per terra. A mezzanotte e un minuto dalle scalette scendono i Greci e massacrano tutti i Troiani.


Non tutti. Due gruppi si salvano. Uno segue il principe più organizzato della storia dell’epica, il principe Enea, che secondo me aveva il motoscafo in porto, che appena arrivano i Greci è partito. Parte, va dritto, fa sponda sulla Tunisia e va a fondare Roma.

L’altro gruppo segue il principe più confuso della storia dell’epica, che si fa il giro via terra di tutta l’Europa, arriva nel punto più paludoso d’Europa e dice: «Bello qua, bello. Umidetto, diciamo, però... Guarda la maestà dell’airone, che si leva in volo al tramonto».

«Mi scusi, principe, non la voglio contraddire, ma quello non è un airone, è ’na zanzara.» «Poco importa. Fonderò qui la mia città.» Ed è così che il principe Antenore, troiano, fonda Padova.


Un passo da Eroi, il nuovo libro di Andrea Pennacchi.

Se anche tu tenevi per i Troiani, acquistalo sullo store di People approfittando delle offerte e degli sconti sul nostro sito fino al 30 novembre: - Un pacchetto con quattro libri tra cui Eroi in offerta a soli 30 euro - L'agenda 2024 di Scopertine in omaggio per ordini sopra i 30 euro; - Tutti i libri al 50% di sconto eccetto quelli pubblicati negli ultimi 20 mesi

bottom of page