top of page
  • Immagine del redattoreFrancesca Druetti

Un mondo all'incontrario



Stamattina a Torino la Libreria Trebisonda si è ritrovata le porte sfondate - furto con scasso.



La libraia, Malvina Cagna, ha rimesso tutto in funzione grazie anche all'aiuto di chi la libreria e il quartiere lo frequenta, e potete già da subito andare a comprarvi un libro (o due, o tre), per dare una mano dopo il furto e per avere qualcosa da leggere dopo le vacanze. Oppure, se non siete a Torino nemmeno di passaggio e non potete andare a farvi un giro in via Sant'Anselmo due tra i libri e i coccodrilli e la sirena di cartapesta di Alessandro Rivoir della Trebisonda, potete scrivere all'indirizzo trebisondalibri@gmail.com.


Un mondo all'incontrario, in cui si sfondano le porte delle librerie - e non perché non si può aspettare l'apertura per le ultime uscite - e su Amazon arriva al primo posto in classifica dei più venduti il libro che si chiama proprio così, scritto dal generale della Folgore che in questi giorni ci ha inondati di esternazioni omofobe, sessiste e razziste. Intanto, a rimettere le cose all'incontrario per il verso giusto, ci stanno pensando tanti lettori e lettrici che quella classifica la stanno facendo scalare a "La guerra dei Bepi", di Andrea Pennacchi, con la sua testimonianza di antifascismo, di memoria e di silenzi che contengono storie come antidoto ai tanti, troppi generali Vannacci di questo paese.


E, siccome la Trebisonda è anche una delle risposte a chi chiede dove trovare i libri di People a Torino, Andrea Pennacchi e tutti gli altri li potete trovare anche qui, nel loro scaffale tutto colorato di dorsi e copertine, ad aspettarvi nella vostra libreria.

Comments


bottom of page