top of page
  • Immagine del redattoreFranz Foti

Le morti che Lollobrigida dovrebbe conoscere molto bene



Ha ragione Lollobrigida, quando dice che l'antifascismo «purtroppo ha portato in tanti anni a morti».

Le prime morti che vengono in mente sono quelle di Giacomo Matteotti, Giovanni Amendola, Lea Schiavi, Carlo e Nello Rosselli, Enrico Bocci, Irma Bandiera, Bruno Buozzi, Felice Cascione, Duccio Galimberti, Antonio Gramsci, Leone Ginzburg, Piero Gobetti e poi Gelindo, Antenore, Aldo, Ferdinando, Agostino, Ovidio e Ettore Cervi.

Ma sono solo alcune le tra le tante, tantissime. Migliaia.

Lollobrigida dovrebbe conoscerle molto bene. È tutta gente morta appunto perché antifascista, ammazzata da quelli che la fiamma nel simbolo del suo partito commemora ancora oggi.

Comments


bottom of page