top of page
  • Immagine del redattoreStefano Catone

Zero termico a 5.300 metri: è record


Che lungo la penisola le temperature fossero da capogiro ce ne siamo accorti nel weekend. Città boccheggianti a causa del calore, dell'inquinamento, dell'umidità. E montagne con temperature assurde anche dai duemila metri in su. I meteorologi sostengono che per tutta la settimana andrà avanti così, con l'anticiclone nord africano che continuerà a tenere in scacco la penisola.

Ci sono tutte le condizioni, quindi, per battere il record stabilito in queste ore in cui è stato registrato lo zero termico (l'altitudine alla quale la temperatura nella libera atmosfera è pari a zero gradi centigradi) a 5.328 metri, superando la registrazione fatta in Svizzera stanotte, dove i 5.298 metri avevano segnato il valore più alto mai registrato nel paese alpino da quando sono iniziate le misurazioni, nel 1954.

Secondo IlMeteo.it, sono stati raggiunti i 23 gradi a 2.100 metri e i 39 gradi a 900 metri.

Per avere un termine di confronto, quando l'estate scorsa è stato rilevato in maniera prolungata lo zero termico intorno ai 4.000 metri è cominciato l'allarme.

Pensare che tutto ciò si risolva con una battuta sul caldo estivo è da incoscienti. Si tratta di temperature anomale, ovviamente, che associate alle scarse precipitazioni degli ultimi anni gettano lunghe ombre sulle prossime estati, quando le riserve idriche conservate dai ghiacciai saranno sempre più scarse.

Comentarios


bottom of page